ULISS-e: e-Gov Cittadino e Imprese
MASSA E COZZILE
> Home


96.02.01 - Servizio Acconciatori

UfficioSportello Unico Attivita' Economiche
Descrizione regionaleLattività professionale di acconciatore , come definita dallarticolo 2, comma 1 della legge 17 agosto 2005, n. 174 (Disciplina dellattività di acconciatore) è esercitata in forma di impresa ai sensi delle norme vigenti e comprende tutti i trattamenti e i servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere laspetto estetico dei capelli, ivi compresi i trattamenti tricologicicomplementari , che non implicano prestazioni di carattere medico, curativo o sanitario, nonché il taglio e il trattamento estetico della barba, e ogni altro servizio inerente o complementare. Le imprese di acconciatura, oltre ai trattamenti e ai servizi di cui sopra, possono svolgere esclusivamente prestazioni semplici di manicure e pedicure estetico consistenti in limatura e laccatura di unghie.I trattamenti e i servizi sopra indicati possono esse re svolti anche con lapplicazione dei prodotti cosmetici definiti ai sensi della legge 11 ottobre 1986, n. 713 (Norme per lattuazione delle direttive della Comunità economica europea sulla produzione e la vendita dei cosmetici).Le imprese di acconciatura possono vendere o comunque cedere alla clientela prodotti cosmetici, parrucche e affini o altri beni accessori inerenti ai trattamenti e ai servizi effettuati. In tal caso, ai sensi dellarticolo 2, comma 5, della l. 174/2005,non si applicano le disposizioni contenute nella legge regionale 7 febbraio 2005, n. 28 (Codice del commercio. Testo unico in materia di commercio in sede fissa, su aree pubbliche, somministrazione di alimenti e bevande , vendita della stampa quotidianae periodica e distribuzione di carburanti ).Per leffettuazione dei trattamenti e dei servizi, le imprese esercenti lattività di acconciatore possono avvaler si anche di soggettinon stabilmente inseriti nellimpresa , purché in possesso dellabilitazione professionale. A tale fine, le imprese sono autorizzate a ricorrere alle diverse tipologie contrattuali previste dalla legge.Lattività professionale di acconciatore può essere svolta unitamente a quella di estetista anche in forma di imprese esercitate nella medesima sede ovvero mediante la costituzione di una società. È in ogni caso necessario il possesso dei requisiti richiesti per lo svolgimento delle distinte attività.Non è ammesso lo svolgimento dellattività di acconciatore in forma ambulante o di posteggio.Le imprese titolate allesercizio dellattività di acconciatore in sede fissa possono esercitare lattività anche presso la sede designata dal cliente in caso di sua malattia o altro impedimento fisico oppure, nel caso in cui il cliente sia impegnato in attività sportive, in manifestazioni legate alla moda o allo spettacolo o in occasione di cerimonie o di particolari eventi fieristici o promozionali.È fatta salva la possibilità di esercitare lattività di acconciatore nei luoghi di cura o di riabilitazione, di detenzione e nelle caserme o in altri luoghi per i quali siano stipulate convenzioni con i relativi soggetti pubblici.Lattività di acconciatore può essere esercitata anche presso il domicilio dellesercente a condizione che i locali utilizzati dispongano dei requisiti previsti dalla vigente normativa in materia di urbanistica, edilizia, sanità e sicurezza e siano dotati di ingressi e servizi igienici autonomi e in regola con le vigenti normative.

Requisiti oggettiviRispondenza dei locali alle vigenti norme urbanistiche, edilizie, sanitarie e di sicurezza, nonché specifica destinazione duso.Per ogni sede dellimpresa dove viene esercitata lattività di acconciatura deve esse r e designato, nella persona del titolare, di un socio partecipante al lavoro, di un familiare coadiuvante o di un dipendente dellimpresa stessa, almeno un responsabile tecnico in possesso dellabilitazione professionale.Nel caso di impresa artigiana individuale esercitata in una sola sede, il responsabile tecnico deve essere designato nella persona del titolare, oppure, in caso di società, in uno o più soci partecipanti al lavoro. In presenza di impresa artigiana esercitata in più sedi, per ogni sede deve esse re designato un responsabile tecnico.Il responsabile tecnico deve essere sempre presente nellesercizio durante lo svolgimento dellattività.In caso di malattia o temporaneo impedimento del responsabile tecnico, il titolare dellesercizio deve designare un sostituto, munito di idonea abilitazione professionale, il quale è soggetto allobbligo di essere sempre presente nellesercizio durante lo svolgimento dellattività.Le imprese che allentrata in vigore della presente legge già svolgono lattività di acconciatore comunicano al SUAP, entro novanta giorni, il nominativo del responsabile tecnico in possesso dellabilitazione professionale.

Requisiti soggettivi moraliNon sussistenza di cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui allart.10 della legge 31.5.1965 n. 575 e al D.Lgs. 490/1994 e loro successive modifiche ed integrazioni.

Requisiti soggettivi professionaliPossesso dellabilitazione professionale previo superamento di un esame tecnico-pratico preceduto, in alternativa tra loro: a) dallo svolgimento di un corso di qualificazione della durata di due anni, seguito da un corso di specializzazione di contenuto prevalentemente pratico ovvero da un periodo di inserimento della durata di un anno presso unimpresa di acconciatura, da effettuare nellarco di due anni; b) da un periodo di inserimento della durata di tre anni presso unimpresa di acconciatura, da effettuare nellarco di cinque anni, e dallo svolgimento di un apposito corso di formazione teorica; il periodo di inserimento è ridotto ad un anno, da effettuare nellarco di due anni, qualora sia preceduto da un rapporto di apprendistato ai sensi della legge 19 gennaio 1955, n. 25, e successive modificazioni, della durata prevista dal contratto nazionale di categoria. Il corso di formazione teorica di cui alla lettera b) può essere frequentato anche in costanza di un rapporto di lavoro. Il periodo di inserimento, di cui alle lettere a) e b), consiste in un periodo di attività lavorativa qualificata, svolta in qualità di titolare dellimpresa o socio partecipante al lavoro, dipendente, familiare coadiuvante o collaboratore coordinato e continuativo, equivalente come mansioni o monte ore a quella prevista dalla contrattazione collettiva. Non costituiscono titolo allesercizio dellattività professionale gli attestati e i diplomi rilasciati a seguito della frequenza di corsi professionali che non siano stati autorizzati o riconosciuti dagli organi pubblici competenti.Lattività professionale di acconciatore può essere esercitata dai cittadini di altri stati membri dellUnione europea in conformità alle norme vigenti in materia di riconoscimento delle qualifiche per le attività professionali nel quadro dellordinamento comunitario sul diritto di stabilimento e di libera prestazione dei servizi.I percorsi formativi per svolger e lattività di acconciatore sono definiti con deliberazione della Giunta Regionale entro 60 giorni dallentrata in vigore della L.R. 29/2013.I soggetti che alla data di entrata in vigore della L.R. 29/2013 hanno la qualifica di acconciatore o di parrucchiere per uomo o donna assumono di diritto la qualifica di acconciatore e sono equiparati ai soggetti abilitati ai sensi dellarticolo 3 della l.174/2005.Possono sostenere lesame di cui allarticolo 3, comma 1, della l. 174/2005, i soggetti che alla data entrata in vigore dellarticolo 15 del decreto legislativo 6 agosto 2012, n. 147 (Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 26marzo 2010, n. 59, recante attuazione della direttiva 2006/123/CE, relativa ai servizi nel mercato interno) hanno maturato i seguenti requisiti professionali:a) attività lavorativa svolta in qualità di socio, dipendente o collaboratore presso unimpresa di acconciatore per un periodo non inferiore a tre anni;b) attività lavorativa svolta con contratto di apprendistato presso unimpresa di acconciatore per la durata prevista dalla contrattazione collettiva di categoria.

Requisiti per i cittadini extracomunitariI cittadini extracomunitari devono essere in possesso di un permesso di soggiorno, in corso di validità, che consenta lesercizio di lavoro autonomo in Italia, secondo le vigenti normative.I permessi di soggiorno validi a tal fine sono i seguenti:> permesso di soggiorno per lavoro autonomo;> permesso di soggiorno per lavoro subordinato;> permesso di soggiorno per inserimento nel mercato del lavoro;> permesso di soggiorno per motivi familiari o ricongiungimento familiare;> permesso di soggiorno per integrazione nei confronti dei minori che si trovino in particolari condizioni (art. 32 c. 1 bis e ter del T.U. in materia di immigrazione, D. Lgs. N. 286/1998) con parere favorevole del Comitato dei minori stranieri;> permesso di soggiorno per ingresso al seguito del lavoratore;> permesso di soggiorno per motivi umanitari;> permesso di soggiorno per attesa occupazione; > permesso di soggiorno per motivi straordinari (art. 5 c. 6 L. n. 40/1998).

Riferimenti normativi1. Requisiti oggettivi:<br />DPR 6.06.2001 n. 380; lr 03.01.2005 n. 1; l.r. 3.06.2013 n. 29<br />2. Requisiti soggettivi morali:<br />l 31.05.1965, n. 575 d.lgs 490/1994<br />3. Requisiti soggettivi professionali:<br />l.r. 3.06.2013 n. 29<br />4. Requisiti per i cittadini extracomunitari:<br />dlgs 25.07.1998 n. 286; l 6.03.1998 n. 40; dpr 31.08.1999 n. 394

Come si avvia l'attivitàSegnalazione certificata inizio attivit&agrave;

Quando si può iniziare l'attivitàimmediatamente dopo aver ottenuto dal sistema di accettazione telematico la ricevuta di avvenuta consegna

Precisare se sono necessarie altre comunicazioni prima di iniziarenon sono necessarie altre comunicazioni

Da effettuare prima dell'inizio lavoriIG-SAN Parere preventivo su progetti di interventi edilizi <br />IG-SAN Elettrico messa a terra <br />A4 Istanza assimilazione scarichi idrici in pubblica fognatura <br />A7 Inquinamento acustico <br />ED - Permesso di costruire <br />ED - Vincolo beni culturali <br />ED - Vincolo tutela paesaggistica <br />ED - DIA <br />ED - Vincolo idrogeologico. Autorizzazione <br />

Da effettuare dopo la fine dei lavoriISPESL - Impianti termici (o di riscaldamento) <br />ISPESL - Impianti elettrici di messa a terra, di protezione contro le scariche elettriche e impianti posti in luoghi con pericolo di esplosioni <br />IG-SAN Acconciatori (OBBLIGATORIO) <br />ED - Dichiarazione di conclusione lavori, di conformita dellopera e degli impianti al progetto e attestato abitabilita/agibilita <br />

Allegati
img_20procura_specialeprocura_speciale
img_21req_moralireq_morali
img_22req_professionalireq_professionali
Presenta domanda on-lineimg_3